Piccoli Ubuntu crescono.

Già, piccoli ma, perché piccoli? E quanto piccoli? Dunque, quanto direi 512 mb. Perché? Non saprei. Quando ho fatto la chiavetta live ho scelto di creare una persintent partition di solo 512 mb. Forse non credevo che l’avrei usata così tanto e mi sono tenuto stretto.

Ora però, la “piccolezza” del disco ha cominciato a farsi sentire sempre più. Sempre di più fino a che mi sono cominciato a chiedere se fosse stato possibile ingrandirla senza perdere quel po’ di dati salvati sulla partizione persistente.

Ho cercato un po’ in giro ed ho trovato qualche informazione, qualche guida. Il criterio è stato quello di cercare informazioni su come ampliare il file casper-rw di ubuntu. Non so quale ragionamento mi abbia instradato ma, l’unico file sparso nella root della chiavetta, grande proprio 512 mb mi ha dato una grande mano.

Ho trovato diverse guide, come dicevo ma, la più efficace o, meglio, quelal che ho seguito con successo è stata la seguente:

http://ubuntuforums.org/showthread.php?t=1147101

Le operazioni sono quelle descritte dall’utente geirha.

It’s a good idea to backup the image first.

1. add 500MB of zeroes to the end of the image casper-rw. Make sure you use >> (append) and not > (overwrite).

Code:
dd if=/dev/zero bs=1M count=500 >> casper-rw

2. resize the filesystem to cover the entire image file

Code:
resize2fs casper-rw

That should be it.

Di fatto ho dovuto dare siki un e2fscheck del file prima del resize2fs. Per il resto tutto liscio come l’olio.

Il check ha trovato dei dati da “fixare” è glieli ho fatti sistemare. Resize e via con un altro giga a disposizione che da taaanta aria da respirare.

A questo punto comincia a diventare sempre più verosimile la possibilità di installare ubuntu anche sul pc aziendale.

Suggerisco anche l’ipotesi di optare per un sistema stabile basato su Windows (non so, magari se proprio serve, ecco) e di lavorare con una chiavetta USB, magari particolarmente performante, con Ubuntu live a bordo. Una parte del disco fisso, al limite, potrebbe essere riservata alla Live di Ubuntu anche se con le moderne chiavette USB da svariatissimi giga la cosa non si rende necessaria/indispensabile.

Saluti.

MotoCiclante

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *